Skip to content →

risotto con nettarine, guanciale e verbena

Un bel risotto estivo con contraddizioni aromatiche molto interessanti


ingredienti per 4 porzioni (costo circa 4 € ap)
  • 240 g di riso carnaroli
  • Un bicchierino di vino bianco
  • 1,2 litri di acqua
  • 1 mazzetto grande di verbena
  • 100 g guanciale
  • 1 nettarina grande o 2 piccole (o pesche a polpa soda)
  • Olio di semi di girasole EV
  • 1 piccolo porro
  • Sale
  • 40 g di Parmigiano Reggiano
  • 40 g di burro
  • Pepe nero

Ho sempre voluto preparare un risotto con le pesche. In genere amo questo frutto e lo uso spesso per preparare insalate e contorni per bistecche di carne. Quindi, ho iniziato disegnando il piatto e poi facendo alcune prove su di esso.

Prima di tutto dobbiamo comprare delle pesche o nettarine a polpa soda. I frutti non devono essere troppo succosi, perché vogliamo che mantengano la loro forma.

Quindi, prepariamo il “brodo” di pesca e verbena. Ricordiamo di conservare una piccola quantità di foglioline di verbena per la decorazione finale e mettiamo il resto in acqua molto fredda insieme alle bucce delle nettarine o delle pesche. Facciamo bollire per 10 minuti, spegniamo il fuoco, copriamo con pellicola e lasciamo in infusione per altri 10 minuti. Scolliamo e manteniamo il brodo.

Tagliamo mezza nettarina grande (o una piccola) a cubetti e il resto (o l'altra) a fette. Aggiungiamo un cucchiaio di olio di semi di girasole EV nella padella del risotto e facciamo soffriggere le fette delicatamente. Le togliamo e lasciamo raffreddare la padella.

Tagliamo la parte grassa del guanciale a fettine molto molto sottili e poi a pezzetti molto molto piccoli e lo aggiungiamo nella padella del risotto (già fredda). Facciamo sciogliere il grasso del guanciale a fuoco basso.

Continuiamo con il soffritto. Ho deciso di utilizzare il porro, al posto della classica cipolla, perché ha un sapore più dolce e leggero. Vi suggerisco di fare lo stesso, ma se non avete porro, non preoccuparvi, usate una cipolla. Quindi, tritiamo il porro e lo facciamo soffriggere delicatamente nel grasso del guanciale fuso e un po' di olio di semi di girasole EV per circa 5 minuti.

In un padellino tostiamo leggermente il riso, SENZA GRASSI e quando è così caldo da non poterlo tenere in mano, lo versiamo nella padella con il soffritto. Versiamo il vino e poi iniziamo la cottura del risotto, aggiungendo un mestolo di brodo di verbena-pesche molto bollente, ogni volta che il liquido inizia a ridursi. Dopo 5 minuti aggiungiamo i cubetti di nettarina o di pesca.

Nel frattempo, nella padella piccola, dove abbiamo fatto tostare il riso, facciamo soffriggere dolcemente la parte magra (diciamo) del guanciale, tagliata a cubetti, a fuoco basso, fino a renderli croccanti.

Mentre si prepara il risotto, grattugiamo finemente il formaggio

Quando il riso è cotto (al dente, ovviamente), togliamo la padella dal fuoco. Assaggiamo il sale, aggiungendone un po', se necessario.

Sempre mescolando, iniziamo ad aggiungere il burro, tagliato a dadini e il formaggio. Continuiamo a mescolare, fino ad ottenere un risultato molto cremoso, copriamo la padella con un coperchio e lasciamo riposare per circa 3 minuti.

Posiamo nei piatti e decoriamo con le fette di nettarina, i cubetti di guanciale e le foglioline di verbena.

Condividere

pubblicato a RISO

it_IT