Skip to content →

risotto alla camomilla

Questo risotto speciale è uno dei migliori che abbia mai fatto. Profumato, delicato, ideale per un bicchiere di vino bianco


ingredienti per 4 porzioni (costo circa 2 € pp)
  • 240 g di riso carnaroli
  • Un bicchierino di vino bianco
  • 1,2 litri di acqua
  • 1 mazzetto grande di camomilla fresca
  • Olio d´ oliva EV
  • 1 piccolo porro
  • Sale
  • 40 g di Parmigiano Reggiano
  • 40 g di burro

Primavera. La stagione che ci offre la più grande varietà di prodotti. Frutta, verdura, funghi e, naturalmente, tante erbe selvatiche.

Mi piace andare ai mercati alimentari all'aperto (qui, in Grecia, li chiamiamo mercati popolari), soprattutto durante il periodo primaverile. È un paradiso per me, perché posso trovare una grande varietà di verdure, coltivate nelle valli greche e raccolte solo poche ore prima della vendita.

Ieri ho trovato la camomilla fresca molto economica, solo 70 centesimi ogni mazzo (grande). Ne ho comprato uno, senza aver deciso, come l'avrei usato.

La prima idea è ovvia. Tisana. È vero che una tisana fredda con camomilla fresca, miele e ghiaccio è meravigliosa, ma l'ho bevuta un sacco di volte.

Perché non fare un risotto, mi ho chiesto. E ho iniziato a prepararlo.

Per prima cosa prepariamo il “brodo” di camomilla. Mettiamo da parte una piccolissima quantità di fiori e foglie di camomilla per la decorazione finale. Scartiamo la parte più grande delle foglie e dei gambi (poiché hanno un sapore amaro) e facciamo bollire i fiori di camomilla per 10 minuti. Spegniamo il fuoco, copriamo con pellicola e lasciamo in infusione i fiori per altri 10 minuti. Scolliamo e manteniamo il brodo.

Continuiamo con il soffritto. Ho deciso di utilizzare il porro, al posto della classica cipolla, perché ha un sapore più dolce e leggero. Vi suggerisco di fare lo stesso, ma se non havete uno, non preoccuparvi, usate una cipolla. Quindi, tritiamo il porro e lo facciamo soffriggere dolcemente in olio d'oliva EV per 5 minuti.

In un padellino tostiamo leggermente il riso, SENZA GRASSI e quando è così caldo da non poterlo tenere tra le mani, lo versiamo nella padella con il soffritto. Versiamo il vino e poi iniziamo la cottura del risotto, aggiungendo un mestolo di brodo di camomilla molto caldo – bollente, ogni volta che il liquido inizia a ridursi.

Sbollentiamo alcune foglie e fiori di camomilla nel brodo per 10 secondi. Li tritiamo.

Mentre si prepara il risotto, grattugiamo finemente il formaggio

Quando il riso è cotto (al dente, ovviamente), togliamo la padella dal fuoco. Assaggiamo il sale, aggiungendone un po' se necessario. Aggiungiamo anche le foglie di camomilla tritate per "interrompere" visivamente il colore bianco con minuscole macchie verdi e render il risotto più attrattivo.

Sempre mescolando, iniziamo ad aggiungere il burro, tagliato a dadini e il formaggio. Continuiamo a mescolare, fino ad ottenere un risultato molto cremoso, copriamo la padella con un coperchio e lasciamo riposare per 3 minuti.

Decoriamo con fiori di camomilla tritati finemente e serviamo.

Condividere

pubblicato a RISO

it_IT