Skip to content →

Scorze di agrumi candite “no spreco” – versione rapida

Un modo più rapido per candire le bucce di agrumi


ingredienti per un vasetto di scorze candite (costo totale circa 1,5€ con zucchero biologico)
  • 500 g bucce di agrumi biologici
  • 500 g d´ acqua
  • 250 g di zucchero
  • Zucchero extra (facoltativo)

Dopo la nostra versione lunga per fare le scorze di agrumi candite (la troverete QUI), oggi vi proponiamo una via più rapida, per chi non ha il tempo o la pazienza per scegliere la procedura di più giorni.

Quindi, dopo aver tagliato le bucce a strisce, le mettiamo a bagno in abbondante acqua per 3 ore per ammorbidirle un po', cambiando l'acqua ogni ora. Mettiamo le bucce in una casseruola, le copriamo con acqua, portiamo a bollore e le lasciamo bollire per 3 minuti. Le scoliamo e le sciacquiamo sotto abbondante acqua corrente, in modo da fermare l'ebollizione delle bucce. Ripetiamo questo processo almeno altre 2-3 volte (con acqua fresca ogni volta). Forse le bucce abbiano bisogno di un quarto processo, secondo la loro amarezza iniziale. Alla fine, dovremmo provare una per verificare se è ancora amara. In caso affermativo ripetiamo il processo, fino a rimuovere tutta l'amarezza. Se stiamo facendo delle bucce di agrumi che hanno una parte bianca e spessa, come il pompelmo o il cedro, dovremmo sbollentarle per un periodo un po' più lungo ogni volta, circa 5 minuti.

Nel frattempo pesiamo le bucce sbollentate e scolate e misuriamo lo stesso peso di acqua e il mezzo di zucchero per preparare uno sciroppo al 50%. Se vogliamo che le scorze candite durino più a lungo facciamo uno sciroppo al 100%.

Appena lo sciroppo raggiunge il bollore, aggiungiamo le bucce scolate e continuiamo la cottura a fuoco medio senza far bollire, fino a quando gran parte dello sciroppo sarà assorbito dalle bucce. Secondo del tipo di bucce che stiamo candendo, il tempo necessario varia. Ad esempio le bucce d'arancia saranno pronte in circa 30 minuti più o meno, mentre quelle di cedri in 60. Le bucce saranno pronte, quando la loro pelle sarà lucida e la loro parte bianca quasi trasparente.

Possiamo conservarle le scorze immerse nel loro sciroppo in barattoli sterilizzati, oppure possiamo asciugarle. Per farlo, le mettiamo una accanto all'altra sulle grate del disidratatore (o del forno), ricoperte da doppia carta da forno (in modo che lo sciroppo non goccioli).

Le mettiamo ad asciugare a 60°C per un paio d'ore o forse più. Alla fine, la maggior parte dell'umidità sarà sparita, ma le scorze dovrebbero rimanere relativamente morbide e flessibili. Non vogliamo che si induriscano, solo che si asciughino. Se non abbiamo un disidratatore, possiamo usare il forno con ventilazione alla temperatura più bassa, o semplicemente lasciarle a temperatura ambiente, fino al giorno successivo.

Una volta private dalla loro umidità, possiamo tenerle così come sono (al naturale), trasferendole in un barattolo e conservandole in frigorifero, oppure possiamo zuccherarle. Mettiamo le scorze in un piatto con lo zucchero e le giriamo da tutti i lati per coprirle. Lo zucchero dopo qualche ora si scioglierà e si sarà assorbito dalle scorze.

Possiamo consumare le scorze candite così come sono, o tagliarle a dadini o julienne per utilizzarle in varie preparazioni. Possiamo anche immergerli nel cioccolato per preparare mini prelibatezze spettacolari e super gustose.

Condividere

pubblicato a DOLCI

it_IT